14 gennaio 2017

La nostra Storia

La storia di Serramenti De Paola Carmine

Il Made in Italy è riconosciuto in tutto il mondo come sinonimo di eccellenza, qualità, gusto, stile e raffinatezza. Tutto ciò è frutto di alto artigianato e qualità manifatturiera, che è bagaglio culturale italiano sin dalla nascita delle prime botteghe tardo medievali e rinascimentali. L’Italia ha iniziato dunque a distinguersi, sin dal rinascimento, per qualità e la specializzazione in diversi settori.

L’azienda De Paola Carmine nasce nel 1991, dal socio fondatore da cui prende il nome. L’assetto produttivo dell’azienda era di tipo esclusivamente artigianale, con appena 40 metri quadri di area lavorativa. Nel tempo, grazie alla serietà, bravura, puntualità precisione e professionalità la realtà aziendale si è evoluta ulteriormente. L’azienda si è ingrandita da 40 a 600 metri quadri, più un capannone di altri 500 metri quadri sito ad Olgiate Comasco (CO). E’ un’ azienda giovane, dalla consolidata esperienza, con un know-how specifico e un severo sistema di controllo della qualità su tutta la produzione, dalla materia prima al prodotto finito. L’impiego delle più moderne ed avanzate tecnologie industriali e l’attenzione artigianale ad ogni fase del processo di realizzazione, consente la massima precisione in tutti i dettagli, per valorizzare al massimo ogni scelta di design con la bellezza delle lavorazioni. “Aprite le vostre case con stile” è l’invito rivolto ai clienti per soddisfare tutti i gusti, anche quelli più esigenti, perché i nostri prodotti si adattano a ogni richiesta di arredo con estrema raffinatezza e semplicità, sia esso classico, moderno o contemporaneo. Il cliente potrà scegliere tra una vasta gamma di prodotti e poter personalizzare per forma, colore, decori, in base alle proprie necessità. I nostri prodotti vengono realizzati con l’utilizzo di materiali di pregio ed alta qualità, in cui la lavorazione artigianale è affiancata all’uso di tecnologie estremamente innovative, indispensabili per ottenere risultati di alti livelli di qualità.

“la cultura del saper fare è dunque un valore da difendere, tutelare e promuovere!”